Gli europei preferiscono Internet alla TV

Senza dubbio evanTV sta solo muovendo i suoi primi passi in un universo che si fa via via sempre più vasto e popolato, l’universo delle netTV.
Di fatto evanTV è una realtà neonata, con ancora tanta strada da fare ma, nel suo settore, propone contenuti curati e selezionati attentamente sulla base di una mission ben definita.

Viene da chiedersi se ne valga la pena e a cosa serva tutto ciò.

A mio parere la scelta è fortemente motivata da un fenomeno in crescita, anzi, in fase di esplosione dirompente. Mi sono imbattuto recentemente in un articolo, uno di tanti a dire il vero, che – statistiche EIAA alla mano – testimonia di cosa stia accadendo in certi media. Ne ho fatto qui una traduzione perchè ritengo che, alla luce di questi trend, una scelta come quella di evanTV possa essere più che valida e motivata.

L’articolo

articolo originale di Mike Sachoff

Oltre la metà (57%) degli Europei utilizza ora regolarmente internet ogni settimana secondo l’European Interactive Advertising Association.

Secondo le ricerche, 169 milioni di persone hanno una presenza online in dieci mercati diversi Europei.

Per la prima volta, le persone nella fascia di età tra i 16 -24 anni usano internet più frequentemente di quanto non usino la TV. L’82% usa internet tra 5 e 7 giorni la settimana, mentre soltanto il 77% guarda regolarmente la TV.
Le persone tra i 16 e i 24 anni hanno incrementato del 10% il tempo trascorso navigando in internet a discapito della TV e il 48% di loro dichiara esplicitamente che il minor uso di televisione dipende dal maggiore uso di internet.

Tra tutti i paesi europei, il 75% degli utenti navigano in internet tra 5 e 7 la settimana, un incremento del 61% dal 2004, mentre il numero delle persone che guradano la TV è rimasto stabile all’86% negli ultimi 3 anni.

Anche il tempo di connessione ha avuto un incremento. Gli utenti europei trascorrono in internet 11,9 ore a settimana, ed il 29% di loro sono considerati utenti “assidui” con una frequenza media di 16 ore o più alla settimana.

Il numero di persone che guardano film, video, ecc. online almeno una volta al mese è cresciuto del 150% dal 2006. Ciò è dovuto in parte alla maggiore penetrazione della banda larga: l’81% degli utenti possiedono ora una connessione a banda larga.

Alison Fennah, direttore esecutivo di EIAA, ha detto: “i nostri studi mostrano che i consumatori usano internet per attività funzionali e per divertimento perchè il loro universo di mezzi di comunicazione è diventato veramente digitale. Speriamo di poter aiutare i pubblicitari e le agenzie a capire quest’evoluzione e sviluppare strategie di comunicazione nuove ed innovative”.

Considerazioni

Di fronte a dati di questo genere, chiunque abbia un messaggio da proporre o dei contenuti da comunicare non può, a mio avviso, restare indifferente.
La rapida diffusione dei sistemi di video-publishing e la natura gratuita della stragrande maggioranza di essi (fino a determinati livelli) genererà inevitabilmente, nel bene e nel male, una marea di dati e informazioni tra le quali districarsi.
Ma tutto questo non dovrebbe esimere chi ha qualcosa di importante da comunicare dal cimentarsi con la netTV!
Poi, come sempre, chi ha i mezzi e le risorse, finirà col primeggiare ma, per una volta tanto, forse chi ha qualcosa di buono da dire avrà uno spazio equo per dirla.
…perlomeno fino a che una certa libertà di espressione reggerà.

2 Comments

  1. Davide /

    Ciao..ho trovato in questo link un commento ulteriore alla notizia.
    Bisogna fare i conti con questa realtà, internet fagociterà altri media..un bene o un male..si vedrà! Interessante il commento di Negroponte, alla fine.

    http://www.agendadelgiornalista.it/INFORMA/20080109/Pagina02.asp

  2. Quello che dice Nicolas Negroponte è più facile da constatare in uno scenario statunitense e non per niente lui scrive da quel contesto (MIT).
    Ma come sempre accade in questi contesti, potrebbe essere solo una questione di tempo anche se, dalle nostre parti, cercherà di fare un pochino di… ostruzionismo.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *