EvanTV in manutenzione

Con il rilascio della nuova release del Flash player (v.9.0.115) da parte di Adobe, si sono venute a creare delle incompatibilità con alcuni componenti di Brightcove, la piattaforma attraverso la quale evanTV eroga i propri contenuti video.

Al momento la situazione è al vaglio del Brightcove Engineering e del supporto tecnico di evanTV che sta già mettendo a punto una strategia alternativa per la fruizione dei video ed il ripristino del servizio in tempi strettissimi.

Logo

7 Comments

  1. frankeyboard /

    Cosa succede? Da ieri il sito è oscurato….

  2. Anche io non vedo nulla.
    Da quanto ho capito Adobe ha tappato una falla di sicurezza nel player e questo crea dei problemi nell’apertura di link da dentro un componente flash.

  3. Si, tecnicamente le cose stanno più o meno come ha scritto Aldo.
    Infatti chi ha avuto modo di notare il problema su evanTV, si sarà accorto che tutto funzionava regolarmente tranne il click sui vari indici dei video: cliccando non si apriva il video.
    Purtroppo Brightcove non intende “upgradare” il componente attraverso il quale generiamo gli indici e questo significa che dobbiamo sbrogliarcela da soli!

  4. E’ fatta!!!
    siamo di nuovo online: ora c’è da verificare che tutto fili liscio sui vari browser e sulle diverse piattaforme!

    C’è qualche Mac-user che vuole lasciare un feedback?

  5. Sono felice per questo servizio che va avanti. Mi ponevo però alcune domande.

    1) Va bene una webtv a sè (anche se un pò ghettizzata) ma creando un canale su Youtube per rendere più visualizzabili i contenuti e poi renderli facilmente scaricabili dagli utenti o visualizzabili nei blogs o website, non era una buona pensata?

    P.S. I costi di manutenzione e altro sono praticamente 0

    ——————————————————————–

    2) Ci sono vari problemi:

    a) di visualizzazione

    – Non viene visualizzato tutto il filmato, a un certo punto si blocca
    -Il player non mostra i byte caricati

    b)i messaggi che vengono inviati e a cui non viene data una risposta

    – e l’ennesima volta che scrivo un messaggio ma mai c’è stata una risposta.

    Si può cercare di comprendere queste critiche costruttive affinché i cristiani non creino il solito “ghetto” ma si immischiano con gli altri? Perchè dobbiamo essere sempre gli ultimi a capire come usare gli strumenti (ad esempio: wikipedia, youtube, open source in genere)che il mondo invece usa in modo diverso ? Perchè non ingegnarsi e collaborare tutti insieme per creare un qualcosa che rivoluzioni questo mondo

  6. Ciao Ramon
    Per rispondere alla tua domanda, creare un canale su YouTube (o su una delle altre 1000 piattaforme di video sharing) è sicuramente una “buona pensata” e infatti ci hanno già pensato miriadi di utenti. Come dici tu stesso, è importante che da cristiani impariamo a usare gli strumenti disponibili solo che, credo sia altrettanto importante imparare ad usarli per quello a cui realmente servono.
    YouTube & co. sono piattaforme tecnicamente dette di UGC, user generated content, e a quello servono.
    Di certo non è pensabile una webTV tematica e scevra da contaminazioni e articolata con propri canali all’interno di YouTube.

    Rispetto ai messaggi… dove li hai mandati? In questo blog? Nel modulo contatti? Spiace moltissimo che non ti sia arrivata risposta e ipotizzo qualche disguido. Ti invito a scrivere a redazione@evantv.net dove di sicuro troverai tutte le risposte.

    P.S. Grazie per i complimenti 😉

  7. Dalla mia esperienza di collaboratore vorrei sottolineare un’altro aspetto.
    Ho collaborato per molte delle video-conferenze presenti in evanTV e, ogni volta, mi è stato chiesto di far firmare liberatorie al conferenziere, compilare documenti di assunzione di responsabilità, verificare l’eventuale presenza di copyright su immagini, musiche, materiali, nonchè sull’eventuale esistenza di diritti di immagine dei personaggi ripresi, ecc.
    Una cosa di questo genere, per quanto macchinosa e capillare, permette a evanTV di fare un lavoro pulito e rispettoso delle leggi.
    Se pubblicassero su YouTube come farebbero a fare tutto nello stesso modo?
    Capisco che spesso i credenti per ingenuità (o no?) pare dimentichino che esistono leggi e copyright ma credo sia giusto che questi ragazzi si impegnino per fare tutto secondo le regole.
    Anche a costo dell’impopolare scelta di eliminare l’embedding dai video.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *